Connect with us

Linux

Come usare systemd in Debian


Systemd è un noto gestore di sistemi e servizi Linux. Da Debian 8, systemd è stato il sistema di inizializzazione predefinito. È compatibile con gli script di inizializzazione SysV e LSB. Pertanto può prendere il posto di sysvinit in alcune situazioni.

Supporta quanto segue:

  • Parallelizzazione aggressiva
  • Impiega l’attivazione di socket e D-Bus per avviare i servizi
  • Fornisce l’avvio del demone su richiesta
  • Tiene traccia delle attività utilizzando i gruppi di controllo Linux
  • Gestisce i punti di montaggio e montaggio automatico e
  • Implementa una complessa logica di controllo dei servizi basata sulle dipendenze transazionali.

L’installazione di systemd non cambierà il tuo sistema init a meno che non avvii anche con:

init=/lib/systemd/systemd 
or 
install systemd-sysv.

systemd è la radice della gerarchia dell’albero dei processi del kernel Linux. Di conseguenza, può essere utilizzato per eseguire attività come la regolazione e l’avvio automatico dei servizi e delle apparecchiature. L’installazione di systemd su Debian 11 può essere eseguita in tre modi, vale a dire Apt-get, apt e aptitude. Queste sono le tecniche più comuni che possiamo impiegare per completare il processo di installazione. Ogni tecnica sarà discussa nelle sezioni successive. Scegli il metodo più adatto a te.

Installazione di systemd su Debian

Di seguito sono riportati i metodi essenziali che è possibile utilizzare per installare systemd su Debian.

Metodo 1: installazione di systemd utilizzando il comando apt

Innanzitutto, aggiorna le risorse Debian eseguendo la seguente riga di codice:

sudo apt update
risorse di aggiornamento apt
Risorse di aggiornamento adeguate

Una volta completato il processo di aggiornamento, installa systemd utilizzando la riga di codice visualizzata qui:

sudo apt -y install systemd
apt installa systemd
Apt installare systemd

È tutto. systemd è stato installato sul tuo sistema operativo Debian

Metodo 2: installazione di systemd utilizzando il comando apt-get

Innanzitutto, aggiorna le risorse Debian eseguendo la seguente riga di codice:

sudo apt-get update
apt ottenere risorse di aggiornamento
Risorse di aggiornamento apt-get

Una volta completato il processo di aggiornamento, installa systemd utilizzando la riga di codice visualizzata qui:

sudo apt-get -y install systemd
apt get install systemd
Apt-get install systemd

È tutto. systemd è stato installato sul tuo sistema operativo Debian

Metodo 3: installazione di systemd utilizzando il comando aptitude

Se si desidera utilizzare questo approccio, potrebbe essere necessario installare prima aptitude perché di solito non è installato di default su Debian. Innanzitutto, esegui tutti i comandi per installare aptitude sul tuo sistema operativo Debian 11.

sudo apt install aptitude -y
or
sudo apt-get install aptitude -y
installare l'attitudine
Installa attitudine

Una volta che aptitude è stato installato sul tuo sistema operativo Debian 11, usa il seguente comando per aggiornare il database Debian usando aptitude.

sudo aptitude update
risorse di aggiornamento attitudinale
Risorse di aggiornamento attitudinale

Assegna al terminale il tempo di eseguire il comando sopra, quindi installa systemd usando aptitude eseguendo la riga di codice mostrata di seguito:

sudo aptitude -y install systemd
aptitude install systemd
Sistema di installazione di Aptitude

È tutto. systemd è stato installato sul tuo sistema operativo Debian 11.

Come usare systemd in Debian

systemd è un demone con PID 1. I suoi compiti sono divisi in unità. I servizi (.service), i dispositivi (.device), i punti di montaggio (.mount), i socket (.socket) e i timer (.timer) sono le unità più frequenti. L’unità ssh.service, ad esempio, avvia il demone della shell sicura. systemd inserisce ogni servizio nel suo gruppo di controllo (cgroup) che prende il nome da esso. I kernel moderni offrono la separazione dei processi basata su cgroup e l’allocazione delle risorse.

systemd sviluppa e gestisce i socket che consentono ai componenti del sistema di comunicare tra loro. Ad esempio, inizialmente genera la connessione /dev/log prima di avviare il demone syslog. Questo metodo ha due vantaggi: uno, i processi che parlano con syslog tramite /dev/log possono essere avviati contemporaneamente. In secondo luogo, i servizi in crash possono essere ripristinati senza che i processi che comunicano con loro tramite socket perdano la connessione. Durante il riavvio del processo, il kernel eseguirà il buffering della comunicazione.

Gli obiettivi sono raccolte di unità. Dirigono le unità per assemblare il sistema. Ad esempio, graphical.target richiama tutte le unità necessarie per avviare una workstation con un’interfaccia utente grafica. Gli obiettivi possono essere costruiti uno sopra l’altro o fare affidamento su altri. systemd attiva il target default.target all’avvio, un alias per un altro target, come graphical.target.

systemd fa uso di “unità” per gestire tutte le funzioni e le attività del sistema. le unità systemd usano i file di configurazione per regolare le loro varie azioni. Esistono tre tipi di file di configurazione dell’unità:

  1. “file di configurazione dell’unità predefiniti”, che si trovano nella directory
    "/usr/lib/systemd/system."
  2. “file di configurazione dell’unità specifici del sistema” con i file di configurazione trovati in
    "/etc/systemd/system"
  3. “file di configurazione dell’unità di runtime” con i file di configurazione trovati in
    "/run/systemd/system"

Eseguire il comando qui fornito per elencare tutti i file di unità:

systemctl list-unit-files
elenca i file di unità
Elenca i file di unità

In alternativa, puoi usare il comando Linux grep per generare solo servizi abilitati. Per farlo, esegui questo comando:

systemctl list-unit-files |grep enabled
elenco dei servizi abilitati
Elenco dei servizi abilitati

Se intendi controllare lo stato del servizio, esegui il comando seguente dove è il nome effettivo del server in questione:

sudo systemctl status <service_name>
I casi d’uso primari di systemd includono:
systemctl - Show all loaded units and their states 

systemctl start [NAME…] - Start (turn on) one or more units

systemctl stop [NAME…] - halt (turn off) one or more units

systemctl disable [NAME…] - Turn off one or more unit files

systemctl list-unit-files - displays the status of all installed unit files.

systemctl --failed - Displays the units that failed during boot.

systemctl list-units - List all of the units

systemctl --type=mount – filter for types such as service, mount, device, socket, or target.

systemctl enable debug-shell.service - To debug, launch a root shell on TTY 9.

utilizzo di base del sistema

systemctl è lo strumento principale utilizzato per ispezionare e amministrare il sistema e il gestore dei servizi “systemd”. Utilizzando systemctl, è possibile attivare o interrompere i servizi a tempo indeterminato o solo per l’istanza in corso.

Come ottenere informazioni sullo stato del sistema?

Indica lo stato del sistema:

systemctl status
stato systemctl
Stato del sistema

Elenca le unità danneggiate/guaste:

systemctl --failed
elenca le unità non riuscite
Elenca le unità non riuscite

Un elenco dei file che sono stati installati sull’unità:

systemctl list-unit-files

Come gestire i servizi?

Elenca tutti i servizi attivi:

systemctl
elenca tutti i servizi attivi
Elenca tutti i servizi attivi

Attivazione immediata del servizio “fosslinux”:

systemctl start fosslinux

Disattivazione immediata del servizio “fosslinux”:

systemctl stop fosslinux

Riavvio immediato del servizio “fosslinux”:

systemctl restart fosslinux

Visualizza lo stato del servizio “fosslinux”:

systemctl status fosslinux

Abilita “fosslinux” da avviare durante l’avvio del sistema:

systemctl enable fosslinux

Disabilita “fosslinux” dall’avvio all’avvio:

systemctl disable fosslinux

Configura systemd a scopo di test

Per testare systemd prima di implementarlo come predefinito, aggiungi la seguente opzione di avvio al kernel:

init=/lib/systemd/systemd

Per un singolo avvio, questo può essere fatto nel menu di grub premendo “e” e aggiungendolo alla riga del kernel. Ad esempio, a seconda dei parametri necessari per il tuo sistema specifico, potrebbe apparire così:

linux   /vmlinuz-3.13-1-amd64 root=/dev/mapper/root-root init=/lib/systemd/systemd ro quiet

Come configurare systemd come predefinito?

Per utilizzare systemd, è necessario installare systemd-sysv, che fornisce collegamenti simbolici per /sbin/init. Si suggerisce di eseguirlo quando il sistema è già in esecuzione, come menzionato nella sezione precedente.

sudo apt-get install systemd-sysv
installa systemd sysv
Installa systemd-sysv

Basta riavviare per avviare il sistema con il systemd appena caricato. Per riavviare usando il terminale, esegui il comando seguente e attendi che il tuo sistema operativo Debian 11 si riavvii sul sistema appena caricato

reboot

Nota: Se utilizzi un kernel autocompilato, assicurati che sia 2.6.39 o successivo e che le seguenti opzioni siano abilitate:

CONFIG_DEVTMPFS=y

CONFIG_CGROUPS=y

CONFIG_AUTOFS4_FS=[y|m]

CONFIG_IPV6=[y|m], optional, but highly recommended

CONFIG_FANOTIFY=y, optional, required for systemd readahead. available in Linux kernel >= 2.6.37.

Conclusione

Questo breve articolo ha delineato tutti gli aspetti relativi all’installazione e all’utilizzo di systemd in Debian 11 Bullseye. Spero che tu l’abbia trovato utile. Per favore, facci sapere come ti sei sentito riguardo all’articolo nei commenti qui sotto. Grazie per aver letto e seguire fosslinux per ulteriori guide agli articoli.


Ti e piaciuto questo articolo?
Supporta il mio lavoro, facendo una donazione!

Click to comment

Leave a Reply

Esegui l'accesso per Commentare

Di tendenza

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione senza blocchi premi su Accetto, oppure continua tranquillamente la navigazione, nessun dato sulla tua navigazione verrà raccolto.
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookie tecnici necessari:
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec
  • swpm_session

Utilizziamo questo servizio per tracciare il comportamento degli utenti su questo sito, al solo fine di statistica

Usiamo la pubblicità di Google solo per mantenere attivi i nostro sito. Con ip anonimizzati.

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi