Please disable your adblock and script blockers to view this page
Connect with us

Linux

I 6 principali motivi per cui dovresti usare OpenSUSE


SAlcune delle distribuzioni Linux più popolari si suddividono in tre categorie: distribuzioni basate su Ubuntu / Debian, Fedora e Arch Linux. Oggi ti darò un’idea di una distribuzione che potresti non aver usato prima e del motivo per cui dovresti provarla: la distribuzione Linux di openSUSE.

Ho usato così tante distribuzioni Linux per lo sviluppo, come server o solo per divertimento ed esperienza. Di tutte queste distribuzioni, trovo sempre che OpenSUSE sia una distro unica. Dallo sfondo del desktop predefinito, dalle applicazioni fino all’esecuzione di comandi con il gestore di pacchetti zypper: openSUSE sembra così brillante e sacro. In questo post, esamineremo i 6 principali motivi per cui dovresti usare OpenSUSE.

Alcuni retroscena su openSUSE

openSUSE è una distribuzione Linux tedesca precedentemente nota come SUSE Linux. Tuttavia, questa distribuzione ha una lunga storia di cambiamenti di nome a seconda dell’azienda che l’ha acquistata. A partire dal 1997 (a quel punto si chiamava SUSE), openSUSE era la distribuzione Linux più popolare in Germania e iniziò ad espandersi in America e in Asia.

Quando in seguito Novell acquistò la società, i punti nel nome SUSE furono rimossi, assumendo così il nome SuSE. Due anni dopo, Novell lo ribattezzò openSUSE. Anche se la distribuzione non è attualmente molto popolare, occupa comunque una buona posizione nelle classifiche di DistroWatch.

Motivi per utilizzare openSUSE Linux

Con quella piccola storia, immergiamoci e guardiamo alcuni dei motivi per cui dovresti usare OpenSUSE.

1. Supporto per versioni fisse e in sequenza

Una volta iniziato con i sistemi Linux, ti renderai conto che esiste un modo attraverso il quale vengono forniti gli aggiornamenti di sistema. A seconda di come vengono forniti questi aggiornamenti, la maggior parte delle distribuzioni Linux sono un file Distribuzione di rotolamento o a Distribuzione fissa, ognuno con i suoi pro e contro.

Una distribuzione Rolling riceve continui aggiornamenti dell’applicazione e del sistema, offrendo agli utenti l’accesso alle funzionalità più recenti fin dalla produzione. Un termine comunemente usato con le distribuzioni Rolling è l’accesso a “Tecnologia all’avanguardia”. Gli aggiornamenti frequenti comportano vari vantaggi, come velocità e sicurezza del sistema migliorate, ma rappresentano anche un rischio poiché il codice non è completamente testato per la compatibilità con tutte le macchine.

Una distribuzione a rilascio fisso fornisce aggiornamenti di app e di sistema a un intervallo di tempo specificato. Il codice è completamente testato e confezionato per la consegna come file ISO o tramite una funzionalità di consegna degli aggiornamenti incorporata.

A differenza della maggior parte delle distribuzioni, sia a rilascio fisso che a rotazione, openSUSE supporta sia Leap che Tumbleweed.

Tumbleweed è una versione progressiva che garantisce l’accesso ai più recenti pacchetti Linux mentre la versione Leap segue una versione regolare che garantisce la massima stabilità del sistema.

2. Scegli il tuo ambiente desktop preferito

Se lavori con alcune delle distribuzioni Linux più popolari, noterai che danno la priorità a particolari ambienti desktop. Ad esempio, Ubuntu ha Unity, Linux Mint usa Cinnamon, Fedora ha GNOME, Deepin ha il suo DDE, ecc. Anche se alcuni supportano ancora l’installazione di altri ambienti desktop, sono completamente ottimizzati per ambienti specifici.

Con openSUSE, non sei legato a un particolare ambiente desktop durante l’installazione. Al momento della stesura di questo post, l’ultima versione è openSUSE Leap 15.2. Durante l’installazione, avrai un’opzione per selezionare un ambiente desktop con le opzioni di KDE Plasma, GNOME, Desktop generico e persino la versione Server, che non richiede GUI.

Ruolo del sistema
Ruolo del sistema

3.YaST

Hai mai desiderato avere un centro di controllo da poter utilizzare per controllare tutto letteralmente? openSUSE viene fornito con un’applicazione del genere: YaST (Yet another Setup Tool). Indipendentemente dalle impostazioni che desideri eseguire o configurare, che si tratti di configurare reti e server, installare e aggiornare la configurazione di software e hardware, YaST ti copre. Nel caso in cui YaST non possa fare qualcosa, ti indirizzerà all’app esatta che ti aiuterà. Questa applicazione si è rivelata senza dubbio lo strumento più efficiente ed affidabile per gestire e configurare il tuo sistema.

YaST
YaST

4. Software facile da installare

Quando si sceglie una distribuzione Linux, la maggior parte degli utenti verificherà innanzitutto che i gestori di pacchetti predefiniti installino software e aggiornamenti. La distribuzione basata su Debian / Ubuntu utilizza il famoso file apt / apt-gete le distribuzioni basate su RHEL utilizzano DNF. Abbiamo anche gestori di pacchetti indipendenti dalla piattaforma, inclusi Snap, AppImage e FlatPak. openSUSE, d’altra parte, usa zypper.

Oltre al gestore di pacchetti da riga di comando, openSUSE offre agli utenti un metodo più semplice per installare il software. Visita la pagina del software openSUSE, cerca qualsiasi software che desideri installare e fai clic su “Opzione di installazione diretta”. Questo è tutto. Suona più come Google Play per Android o App Store per iPhone.

Installazione diretta
Installazione diretta

5. openSUSE Build Service

Durante lo sviluppo di software per sistemi Linux, noterai che ogni distribuzione impacchetta il proprio software in modo diverso e utilizza anche strumenti di pacchettizzazione diversi da altre distribuzioni. Pertanto, lo sviluppo di un’app che sarà supportata da diverse distribuzioni Linux, ad esempio Ubuntu, Fedora e Debian, può essere una vera seccatura.

Per ovviare a questo problema, il team canonico e gli sviluppatori di Red Hat hanno ideato formati di pacchetto indipendenti dalla piattaforma. Includono Snap, FlatPak e AppImage. Finché una distribuzione supporta uno qualsiasi di questi formati di pacchetto, è possibile installare qualsiasi software disponibile. Anche se sembrava una soluzione a vita, openSUSE ha deciso di utilizzare un approccio diverso.

Il team di sviluppo di openSUSE ha ideato una piattaforma online per lo sviluppo e la distribuzione di software per varie distribuzioni Linux. OpenSUSE Build Service (OBS). Gli sviluppatori non hanno bisogno di capire le sfumature tra distribuzioni come Debian, Ubuntu, Fedora e OpenSUSE. Tutto quello che devono fare è caricare il loro software e impacchettarlo per una distribuzione diversa. I sistemi Linux supportati attualmente includono Debian, Ubuntu, Fedora, CentOS e molto altro.

6. Comunità

Personalmente, ci sono distribuzioni che non potrei continuare a utilizzare a lungo a causa della mancanza di un buon supporto da parte della comunità. Di tanto in tanto, lavorando con qualsiasi software o sistema operativo, potresti incontrare delle difficoltà e sarebbe fantastico se esistesse un posto in cui potresti ottenere soluzioni affidabili.

Ho trovato la comunità di openSUSE molto amichevole e affidabile. Ogni volta che ho un problema di sistema o addirittura provo a creare pacchetti software, ci sono sempre persone pronte a offrire aiuto per far funzionare le cose. Ho trovato i forum ufficiali di openSUSE un ottimo posto per ottenere aiuto su qualsiasi problema tu possa incontrare. Inoltre, puoi unirti al server Discord di openSUSE e ottenere assistenza tecnica da più di 1000 membri attivi.

Pensieri finali

Ci sono molte altre funzionalità che rendono openSUSE una distribuzione straordinaria. Se stai cercando di iniziare con Linux o provare una nuova distribuzione, ti consiglio di provare openSUSE. Abbiamo già un tutorial sull’installazione di openSUSE disponibile sul nostro sito web. Se vuoi testarlo solo per un po ‘, puoi installarlo come macchina virtuale. Fateci sapere le vostre opinioni su openSUSE nei commenti qui sotto.


Ti e piaciuto questo articolo?
Supporta il mio lavoro, facendo una donazione!

Click to comment

Leave a Reply

Esegui l'accesso per Commentare

Di tendenza