Please disable your adblock and script blockers to view this page
Connect with us

Linux

Distro Flashback: cosa è successo a Cub Linux?


ioSe sei un appassionato di Linux, è probabile che tu abbia almeno sentito parlare di Cub Linux ad un certo punto della tua vita. Tuttavia, se non è così e hai voglia di saperne di più, consenti a FOSSLinux di dirti tutto su ciò che Cub Linux rappresentava, la sua storia e cosa doveva portare in tavola.

Cos’era Cub Linux?

Per saperne di più su Cub Linux, dobbiamo prima conoscere ChromeOS. Fondamentalmente, questa è una distribuzione basata su Linux la cui interfaccia utente è simile a quella del browser Chromium. Inoltre, per quanto riguarda le sue applicazioni supportate, devi farlo per Chrome Web Store o Google Play Store, poiché il sistema operativo può eseguire anche app Android.

Cub Linux
Cub Linux

Basato su Ubuntu LTS 14.04 “Trusty Tahir”, Cub Linux era lì per offrire agli utenti un sostituto di Chrome OS, ma con un’interfaccia utente e funzionalità simili. Oltre a questo, questo sistema operativo aveva Openbox come gestore di finestre e veniva fornito con strumenti di XFCE, Gnome, LXDE e molti altri. Come ChromeOS, anche Cub Linux ha abbandonato l’utilizzo di dischi rigidi e ha salvato la maggior parte dei dati utente sul suo cloud. Come avrai notato, Cub è l’abbreviazione di Chromium e Ubuntu poiché il sistema operativo è una combinazione dei loro diversi elementi.

Cosa è successo a Cub Linux?

Il sistema operativo non è sempre stato conosciuto come Cub Linux. In realtà, quando è stato annunciato per la prima volta nel 2014, Chromixium OS era quello che veniva chiamato. Dopo un anno dal suo annuncio, la sua prima versione stabile è arrivata nel mondo open source come ISO live a 32 bit.

Detto questo, questa versione non è andata così liscia come previsto. Ci sono stati diversi bug segnalati dai suoi utenti, che includevano la generazione di menu lenta e lo screen tearing. Il lato positivo è che gli sviluppatori hanno presto risolto questi problemi e rilasciato un service pack oltre a vari aggiornamenti. Tuttavia, ciò che ha davvero portato Chromixium OS al livello successivo è stato il rilascio della sua versione a 64 bit nel novembre 2015.

Tutto questo sviluppo ha incontrato un ostacolo quando il proprietario di Chromium e Chrome OS, Google, ha inviato una richiesta agli sviluppatori del sistema operativo di rinunciare al nome “Chromixium” e ad altri siti Web di presenze sui social media correlati. Tuttavia, ciò non ha potuto fermare il capo di questo progetto, RichJack, poiché hanno presto affrontato questo problema e rinominato il loro sistema operativo come Cub Linux. Questi eventi si sono svolti alla fine del 2015 e si sono conclusi con una nota positiva, ma il progetto non sapeva cosa si stava avvicinando nel 2016.

Quando il 2016 si stava avvicinando alla fine, gli utenti di Cub Linux hanno iniziato a notare una cosa importante: il sito Web ufficiale era scomparso. Ciò si è rivelato indicare la fine di un progetto che avrebbe potuto fare miracoli in futuro. Anche se la loro pagina GitHub è aperta fino ad oggi, lo sviluppo si era interrotto e non aveva più senso tenere il passo con Cub Linux. Secondo uno sviluppatore, la fine improvvisa di questo progetto potrebbe essere attribuita a “restrizioni alla vita privata”, il che è vago come una dichiarazione potrebbe ottenere.

Detto questo, per quanto riguarda il futuro di Cub Linux, molti altri sviluppatori si sono interessati a questo progetto e hanno voluto riprenderlo. Di conseguenza, lo sviluppatore del sistema operativo Feren ha annunciato nel 2017 che avrebbe dato a Cub Linux una profonda revisione e “riportato Cub” con il nome di Phoenix Linux. Questa potrebbe sembrare una buona notizia per alcuni, ma onestamente, il futuro di Phoenix Linux non sembra troppo luminoso poiché il progetto non ha ricevuto un altro aggiornamento da marzo 2018. Se siamo davvero fiduciosi, avremo qualcosa al più presto come 2021, ma aspettare più a lungo non avrebbe molto senso.

Cub Linux era davvero buono?

Cub Linux è stato generalmente ben accolto dagli utenti, ed è per questo che il sistema operativo è noto fino ad oggi. Una buona regola empirica per stabilire se è probabile che il sistema operativo ne valga la pena o meno dipende dall’utilizzo del computer. Quindi, le persone che usano principalmente il proprio computer per navigare in Internet adoreranno sicuramente Cub Linux.

Detto questo, puoi anche ottenere più usi da questo sistema operativo con diversi metodi. L’unico svantaggio è che dovrai fare uno sforzo extra per fare in modo che questo sistema operativo faccia ciò che altri sistemi operativi possono fare immediatamente.

Pannello di controllo Cub Linux
Pannello di controllo Cub Linux

Tuttavia, dobbiamo ricordare che Chromixium è stato in grado di raggiungere solo la v1.0. Di conseguenza, gli sviluppatori avrebbero sicuramente molte più funzionalità da integrare nel prossimo futuro. Tuttavia, considerando il sistema operativo nella sua forma originale, Cub Linux ha fornito agli utenti l’opportunità di beneficiare di un ambiente basato sul web, consentendo allo stesso tempo di utilizzare applicazioni installate localmente. Anche se molto avrebbe potuto essere migliorato nel sistema operativo, era solo nelle sue fasi iniziali e non c’è modo di dire cosa avesse in serbo il futuro per Cub Linux.

Conclusione

Cub Linux era un’opzione unica nel suo genere nel mondo delle distribuzioni basate su Linux. Tuttavia, anche se il limite era il cielo per questo sistema operativo, purtroppo ha incontrato il suo destino solo un paio d’anni dopo il suo rilascio iniziale. Il lato positivo è che questo progetto è stato ripreso dallo sviluppatore di Feren OS, quindi c’è ancora qualche speranza che lo sviluppo di questo progetto possa riprendere un po ‘di ritmo.


Ti e piaciuto questo articolo?
Supporta il mio lavoro, facendo una donazione!

Click to comment

Leave a Reply

Esegui l'accesso per Commentare

Di tendenza