Sviluppare il tuo sito web da zero può essere un compito arduo. È dispendioso in termini di tempo e costoso se hai intenzione di assumere uno sviluppatore. Un modo semplice per far decollare il tuo blog o sito web è utilizzare un file CMS (sistema di gestione dei contenuti) piace Drupal.

Drupal è un sistema di gestione dei contenuti (CMS) open source, scritto in PHP e rilasciato sotto GPL. È stato rilasciato per la prima volta nel gennaio 2001 per alimentare blog personali, siti Web aziendali e qualsiasi tipo di sito Web di cui le persone potrebbero aver bisogno. Oggi Drupal è uno dei CMS più famosi al mondo che gestisce milioni di siti web in tutto il mondo.

L’ultima versione di Drupal al momento della stesura di questa guida lo è Drupal 9.

Caratteristiche di Drupal

  1. Gratuito e open source.
  2. Funzionalità di base come la possibilità di pubblicare post, pagine e un sistema di commenti, feed RSS, registrazione utente. installa e modifica modelli e componenti aggiuntivi.
  3. Più di 30000 moduli disponibili da scaricare gratuitamente dal negozio Drupal.
  4. Disponibile in più di 110 lingue con supporto per lingue RTL come l’arabo.
  5. Supporto multi-sito e supporto per la creazione e la modifica di contenuti multiutente.
  6. Supporto per la creazione di blog, forum, sondaggi utilizzando moduli installati per impostazione predefinita.
  7. Ottimo sistema di aggiornamenti per informarti sugli aggiornamenti di sicurezza.
  8. Molte altre caratteristiche.

In questa guida, installeremo Drupal su Debian 10/9 e Ubuntu 20.04 / 18.04.

Prerequisiti di Drupal

Da Drupal è un CMS basato su PHP a cui gli utenti accedono dal front-end, è necessario disporre di un file LAMPADA stack installato sulla tua istanza Debian / Ubuntu. LAMPADA è uno stack software utilizzato per testare e distribuire siti Web e comprende 3 componenti principali:

  • Server web Apache.
  • Server database MariaDB.
  • PHP (per Drupal 9, si consiglia PHP 7.3 e versioni successive).

Con i requisiti soddisfatti, iniziamo!

Passaggio 1: installa Apache, MariaDB e PHP

1. Installare Drupal, avrai bisogno di un server web e di un server database in esecuzione, in questo articolo lavoreremo con Apache, PHP, e MariaDB, puoi installarli facilmente con l’aiuto di uno strumento di gestione dei pacchetti chiamato apt.

$ sudo apt install apache2 mariadb-server mariadb-client php libapache2-mod-php php-cli php-fpm php-json php-common php-mysql php-zip php-gd php-intl php-mbstring php-curl php-xml php-pear php-tidy php-soap php-bcmath php-xmlrpc 
Installa LAMP su Ubuntu
Installa LAMP su Ubuntu

2. Sui server di produzione, è necessario abilitare alcune misure di sicurezza di base per l’installazione del database MariaDB, eseguendo il seguente script di sicurezza fornito con il pacchetto MariaDB.

$ sudo mysql_secure_installation

Dopo aver eseguito lo script, ti guiderà attraverso una serie di domande a cui puoi rispondere yes(y) per abilitare alcune opzioni di sicurezza di base come mostrato.

  • Immettere la password corrente per root (immettere per nessuna): Invio
  • Impostare una password di root? [Y/n] y
  • Rimuovere utenti anonimi? [Y/n] y
  • Non consentire il login di root da remoto? [Y/n] y
  • Rimuovere il database di test e accedervi? [Y/n] y
  • Ricaricare le tabelle dei privilegi ora? [Y/n] y
Server MariaDB sicuro
Server MariaDB sicuro

Ecco fatto, hai installato con successo tutti i pacchetti richiesti e hai anche aggiunto una password MySQL. Ora è il momento di andare avanti e creare un database per l’installazione di drupal.

Passaggio 2: crea un database Drupal

3. Avremo bisogno di creare un database per la nostra installazione di Drupal, per farlo, esegui il seguente comando per connetterti alla shell mysql.

$ sudo mysql -u root -p

Nota: Ti chiederà di inserire la password di root MySQL, che hai impostato durante la protezione del pacchetto MySQL, inseriscila e ti verrà richiesto al terminale mysql.

Connettiti a MySQL Shell
Connettiti a MySQL Shell

4. Successivamente, esegui la seguente serie di comandi sul terminale MySQL per creare nuovi ‘drupal‘utente, database e privilegi di concessione.

## Creating New User for Drupal Database ##
MariaDB [(none)]> CREATE USER drupal@localhost IDENTIFIED BY "your_password_here";

## Create New Database ##
MariaDB [(none)]> create database drupal;

## Grant Privileges to Database ##
MariaDB [(none)]> GRANT ALL ON drupal.* TO drupal@localhost;

## FLUSH privileges ##
MariaDB [(none)]> FLUSH PRIVILEGES;

## Exit ##
MariaDB [(none)]> exit

Nota: Se lo desideri, puoi sostituire il nome utente e il nome del database con qualsiasi altro nome.

Passaggio 3: scarica e installa Drupal in Ubuntu

5. Drupal è disponibile per il download dal repository ufficiale Ubuntu / Debian come pacchetto, tuttavia, è una vecchia versione di Drupal che ha molte vulnerabilità di sicurezza e la versione corrente di Drupal è 9.0.6), ecco perché scaricheremo Drupal dal sito ufficiale

In alternativa, puoi utilizzare il seguente comando wget per acquisire direttamente l’ultima versione.

$ sudo wget https://www.drupal.org/download-latest/tar.gz -O drupal.tar.gz

6. Quindi, estrai il file tarball e sposta la cartella drupal non compressa nel file /var/www/html percorso come mostrato.

$ sudo tar -xvf drupal.tar.gz
$ sudo mv drupal-9.0.6 /var/www/html/drupal

7. Affinché drupal sia accessibile, assegna i permessi mostrati:

$ sudo chown -R www-data:www-data /var/www/html/drupal/
$ sudo chmod -R 755 /var/www/html/drupal/

Passaggio 4: creare un host virtuale Apache Drupal

8. La parte finale della configurazione ci richiede di creare un file host virtuale Apache per il nostro Drupal sito web. Procedi e crea il file host virtuale come mostrato:

$ sudo vim /etc/apache2/sites-available/drupal.conf

Incolla il contenuto di seguito.

<VirtualHost *:80>
     ServerAdmin [email protected]
     DocumentRoot /var/www/html/drupal/
     ServerName  example.com  
     ServerAlias www.example.com

     ErrorLog ${APACHE_LOG_DIR}/error.log
     CustomLog ${APACHE_LOG_DIR}/access.log combined

     <Directory /var/www/html/drupal/>
            Options FollowSymlinks
            AllowOverride All
            Require all granted
     </Directory>

     <Directory /var/www/html/>
            RewriteEngine on
            RewriteBase /
            RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-f
            RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-d
            RewriteRule ^(.*)$ index.php?q=$1 [L,QSA]
    </Directory>
</VirtualHost>

Successivamente, salvare e uscire dal file di configurazione.

9. Con l’host virtuale in posizione, dobbiamo abilitarlo utilizzando i comandi seguenti:

$ sudo a2ensite drupal.conf
$ sudo a2enmod rewrite

10. Quindi riavviare il server Web Apache per applicare le modifiche.

$ sudo systemctl restart apache2

Passaggio 6: configurazione di Drupal da un browser

11. In questo passaggio concludiamo l’installazione di Drupal configurandolo su un browser web. Quindi avvia il browser e vai all’indirizzo IP del tuo server come mostrato:

http://www.server-ip/
OR
http://www.example.com/

12. Nella pagina visualizzata, seleziona la tua lingua preferita e fai clic sul pulsante “Salva e continua‘pulsante.

Scegli Drupal Language
Scegli Drupal Language

13. Il passaggio successivo ti offre 3 profili di installazione che puoi sfruttare. Per rendere le cose facili e dirette, seleziona la prima opzione che è il profilo Standard e premi il pulsante ‘Salva e continua‘pulsante.

Scegli Drupal Installation Profile
Scegli Drupal Installation Profile

14. Nel passaggio successivo compila i dettagli del database.

Imposta le impostazioni del database Drupal
Imposta le impostazioni del database Drupal

15. Subito dopo inizierà l’installazione di tutti i file necessari. Questo richiede circa 5 minuti e un po ‘di pazienza andrà bene.

Avanzamento dell'installazione di Drupal
Avanzamento dell’installazione di Drupal

16. Compila tutti i campi obbligatori sul tuo sito come nome del sito, indirizzo email del sito, posizione e fuso orario.

Imposta le impostazioni del sito Drupal
Imposta le impostazioni del sito Drupal

17. Infine, otterrai la dashboard predefinita per Drupal come mostrato:

Drupal Dashboard
Drupal Dashboard

Da qui, puoi iniziare a creare il tuo sito Web reattivo ed elegante utilizzando i temi disponibili o sfruttando i temi Drupal premium. È tutto quello che avevamo per oggi. Ci auguriamo che tu possa configurare comodamente Drupal su Debian 10/9 e Ubuntu 20.04 / 18.04.

Se apprezzi ciò che facciamo qui su TecMint, dovresti considerare:

TecMint è il sito della comunità più affidabile e in più rapida crescita per qualsiasi tipo di articoli, guide e libri Linux sul web. Milioni di persone visitano TecMint! per cercare o sfogliare le migliaia di articoli pubblicati GRATUITAMENTE a disposizione di tutti.

Se ti piace quello che stai leggendo, considera di offrirci un caffè (o 2) in segno di apprezzamento.

Supportaci

Siamo grati per il tuo supporto senza fine.

Esegui l'accesso per Commentare