CL’ompression è un’importante tecnica informatica utilizzata da programmi, servizi e utenti per risparmiare spazio e migliorare la qualità del servizio. Ad esempio, se scarichi un gioco tramite una piattaforma di gioco, in genere scarica una versione compressa in modo che possa risparmiare tempo e spazio. La decompressione avviene dopo il download del file o durante il processo di installazione.

Ma perché ti sto dicendo tutto questo? Bene, oggi esaminerò la compressione dei file di Linux e ti mostrerò tutto ciò che devi sapere.

Comprensione della compressione

Prima di andare avanti e conoscere la compressione Linux, capiamo prima altre cose sulla compressione.

La compressione è una tecnica per ridurre la dimensione del file su un dato disco utilizzando diversi calcoli matematici e algoritmi. Lo scopo principale della compressione è risparmiare spazio. Ciò è possibile nel modo in cui i file vengono archiviati sui dischi rigidi. Gli algoritmi oi calcoli matematici trovano uno schema e ne comprimono quella parte in modo che possa generarlo nuovamente con poca o nessuna perdita di dettaglio. In breve, il contenuto ripetuto apre la strada al funzionamento della compressione.

Esistono due tipi di compressione che dovresti conoscere. Sono compressione lossy e lossless.

Compressione senza perdita

È una tecnica di compressione che non perde le informazioni ei dati effettivi possono essere recuperati dal file compresso. La compressione con perdita è utile per ridurre le dimensioni del file senza perdere la qualità del file originale.

Compressione con perdita

D’altra parte è una tecnica di compressione con perdita che comprime un file per risparmiare spazio, ma il file compresso non può essere utilizzato per recuperare il contenuto del file originale. In questo caso, le informazioni vengono perse.

Per capirlo, facciamo un esempio. È possibile acquisire un’immagine grezza e quindi comprimerla utilizzando la modalità lossy e lossless. Nella compressione senza perdita, la dimensione dell’immagine diminuirà leggermente e sarai in grado di mantenere l’immagine originale se decomprimi l’immagine. Nella maggior parte dei casi, viene utilizzato un formato PNG per la compressione senza perdita di dati. Tuttavia, se si utilizza la compressione con perdita, si otterrà un output dell’immagine che non può essere ripristinato a quello originale. In questo caso, l’immagine risultante è in formato JPEG / JPG.

Gli algoritmi di compressione sono eccellenti a modo loro e forniscono valore all’utente. Gli algoritmi più recenti utilizzano un metodo adattivo in cui sono veloci e più accurati nella loro tecnica di compressione.

Diversi modi di comprimere i file su Linux

Per comprendere la compressione in Linux, dobbiamo prima creare un file per testare i metodi di compressione. Per fare ciò, possiamo generare in modo casuale un file utilizzando la seguente procedura.

base64 /dev/urandom | head -c 3000000 > mynewfile.txt

Per conoscere la dimensione del file appena creato, puoi eseguire il seguente comando.

ls -l --block-size=MB

file-size-check
Verifica delle dimensioni del file appena creato

Puoi anche controllare la dimensione del file utilizzando Esplora file e controllando la dimensione del file nelle sue proprietà.

informazioni sui file
Verifica delle proprietà del file

Creiamo più copie del file in modo da poterlo utilizzare per testare le tecniche di compressione.

creazione di più copie
Creazione di più copie

La dimensione totale della cartella in cui sono archiviati i file è 150 MB.

Compressione zip

Una delle tecniche di compressione standard che troverai in Linux è la tecnica di compressione zip. Per eseguire il comando zip sui file che abbiamo, è necessario eseguire il seguente comando.

zip <output>.zip <input>

Quindi, per comprimere i cinque file che abbiamo nella cartella, dobbiamo eseguire il seguente comando.

zip testing1.zip *

Il comando impiegherà un po ‘di tempo per essere eseguito e lo vedrai accadere davanti ai tuoi occhi.

compressione zip in azione
Compressione zip in azione

Come puoi vedere, ciascuno dei file è stato ridotto del 24%. Con un risparmio del 24%, la dimensione finale è di 114 MB. Va abbastanza bene. Il risultato sarebbe stato diverso se avessimo utilizzato file sorgente aggiuntivi. Un’altra cosa che avresti notato è che utilizza la tecnica di compressione dello sgonfiaggio.

cartella-zip-dimensione-finale
La dimensione finale della chiusura lampo dopo la compressione

Per decomprimere il file, è necessario utilizzare il seguente comando.

decomprimere .zip -d

Come puoi vedere, puoi impostare una destinazione. Puoi anche decomprimere nella stessa cartella semplicemente usando il comando senza il parametro di destinazione.

Compressione Gzip

Ora che abbiamo eseguito la compressione zip, è arrivato il momento della compressione GNU Zip o gzip. È anche un metodo popolare per comprimere i file su Linux. Jean-Loup Gailly e Mark Adler lo creano.

Inoltre, è migliore del metodo di compressione zip in quanto offre una migliore compressione. La sintassi per utilizzare la compressione Gzip è la seguente.

gzip <option> <input>

Per comprimere i file che abbiamo, dobbiamo usare il seguente comando.

gzip -v mynewfile1.txt

Questo comprimerà il file, “mynewfile1.txt”, quindi lo chiamerà “mynewfile1.txt.gz”.

testing-gzip
Testare Gzip

La dimensione finale del file è di 22,8 MB, una compressione piuttosto impressionante.

Puoi anche comprimere l’intera cartella usando il flag ricorsivo -r. La sintassi è la seguente:

gzip -r <folder_path>

Puoi anche personalizzare il livello di compressione per Gzip. Il valore del livello di compressione può essere impostato da 1 a 9. 1 sta per la compressione più veloce e minima, mentre nove sta per la compressione più lenta ma la compressione migliore.

gzip -v -9 mynewfile1.txt

Per decomprimere il file gzip, è necessario utilizzare il seguente comando.

gzip -d <gzip_file>

Compressione Bzip2

L’ultimo tipo di compressione di cui parleremo è Bzip2. È uno strumento open source e gratuito. Utilizza l’algoritmo Burrows-Wheeler.

La tecnica di compressione è piuttosto vecchia in quanto è stata introdotta per la prima volta nel 1996. Puoi usare Bzip2 nel tuo lavoro quotidiano. È veloce e funziona in modo simile a quello dello strumento gzip. La sintassi per la tecnica di compressione Bzip2 è la seguente:

bzip2 <option> <input>

Proviamo a comprimere il file usando bzip2.

bzip2-compressione
Compressione Bzip 2

Proprio come gzip, puoi anche impostare la forza della compressione da 1 a 9.

Per decomprimere il file, è necessario utilizzare il seguente comando.

bzip2 -d <filename>

Archiviazione

C’è un altro termine importante che dobbiamo imparare qui.

L’archiviazione è il metodo per eseguire il backup dei dati in una posizione sicura utilizzando un formato compresso (generalmente). Nel server Linux, troverai l’estensione del file tar che significa che è un file archiviato. Il formato tar è eccellente quando si tratta di manipolare e indirizzare file diversi. Può mantenere intatti i metadati e le autorizzazioni e quindi viene utilizzato principalmente a scopo di archiviazione su sistemi Linux.

La sintassi del comando tar è la seguente.

tar <option> <output_file> <input>

compressione tar
Compressione del catrame

Per estrarre, è necessario utilizzare il seguente comando.

tar -xvf <archieved-file-name>

Conclusione

Questo ci porta alla fine della nostra guida alla compressione di Linux. Come puoi vedere, ci sono molti modi per eseguire la compressione dei file. Inoltre, il processo di archiviazione ha il suo uso unico. Allora, cosa ne pensi della compressione dei file Linux? Lo usi molto? Fateci sapere nei commenti qui sotto.

Esegui l'accesso per Commentare