In questo argomento viene illustrato come installare e configurare l’ultima versione ufficiale di Nagios Core dalle sorgenti Debian e Ubuntu server.

Nagios Core è un libero e Open Source applicazione di monitoraggio della rete progettato per il monitoraggio di applicazioni di rete, i dispositivi ed i loro servizi connessi in una rete.

Nagios può monitorare in remoto il sistema operativo specifico di parametri tramite agenti distribuiti sui nodi e inviare avvisi via mail o SMS per informare gli amministratori in caso di servizi critici in una rete, come SMTP, HTTP, SSH, FTP e altri falliscono.

Requisiti

Passo 1: Installare Pre-requisiti per Nagios

1. Prima di installare Nagios Core da fonti Ubuntu o Debianprima di installare il seguente stack LAMP componenti del sistema, senza RDBMS MySQL componente del database, inviando il seguente comando.

# apt install apache2 libapache2-mod-php php

2. Il passo successivo, è necessario installare il seguente sistema di dipendenze e dei programmi di utilità necessari per la compilazione e l’installazione Nagios Core da fonti, eseguendo il seguente comando.

# apt install wget unzip zip autoconf gcc libc6 make apache2-utils libgd-dev

Passo 2: Installare Nagios 4 Core in Ubuntu e Debian

3. Il primo passo, creare nagios sistema di utente e di gruppo e aggiungere nagios conto di Apache www-data utente, eseguendo i comandi qui sotto.

# useradd nagios
# usermod -a -G nagios www-data

4. Dopo che tutte le dipendenze, i pacchetti e i requisiti di sistema per la compilazione di Nagios da fonti che sono presenti nel vostro sistema, andare a Nagios pagina web e di scaricare l’ultima versione di Nagios Core fonte stabile di archivio eseguendo il seguente comando wget.

# wget https://assets.nagios.com/downloads/nagioscore/releases/nagios-4.4.6.tar.gz

5. A quel punto, estratto di Nagios tar e inserire l’estratto di nagios directory, con i seguenti comandi. Problema ls comando per visualizzare un elenco di nagios, il contenuto di una directory.

# tar xzf nagios-4.4.6.tar.gz 
# cd nagios-4.4.6/
# ls
Esempio Di Output
total 600
-rwxrwxr-x  1 root root    346 Apr 28 20:48 aclocal.m4
drwxrwxr-x  2 root root   4096 Apr 28 20:48 autoconf-macros
drwxrwxr-x  2 root root   4096 Apr 28 20:48 base
drwxrwxr-x  2 root root   4096 Apr 28 20:48 cgi
-rw-rw-r--  1 root root  32590 Apr 28 20:48 Changelog
drwxrwxr-x  2 root root   4096 Apr 28 20:48 common
-rwxrwxr-x  1 root root  43765 Apr 28 20:48 config.guess
-rwxrwxr-x  1 root root  36345 Apr 28 20:48 config.sub
-rwxrwxr-x  1 root root 246354 Apr 28 20:48 configure
-rw-rw-r--  1 root root  29812 Apr 28 20:48 configure.ac
drwxrwxr-x  5 root root   4096 Apr 28 20:48 contrib
-rw-rw-r--  1 root root   6291 Apr 28 20:48 CONTRIBUTING.md
drwxrwxr-x  2 root root   4096 Apr 28 20:48 docs
-rw-rw-r--  1 root root    886 Apr 28 20:48 doxy.conf
-rwxrwxr-x  1 root root   7025 Apr 28 20:48 functions
drwxrwxr-x 11 root root   4096 Apr 28 20:48 html
drwxrwxr-x  2 root root   4096 Apr 28 20:48 include
-rwxrwxr-x  1 root root     77 Apr 28 20:48 indent-all.sh
-rwxrwxr-x  1 root root    161 Apr 28 20:48 indent.sh
-rw-rw-r--  1 root root    422 Apr 28 20:48 INSTALLING
...

6. Ora, iniziare a compilare Nagios da fonti eseguendo i comandi qui sotto. Accertarsi di configurare Nagios con Apache directory sites-enabled configurazione eseguendo il seguente comando.

# ./configure --with-httpd-conf=/etc/apache2/sites-enabled
Esempio Di Output
*** Configuration summary for nagios 4.4.6 2020-04-28 ***:

 General Options:
 -------------------------
        Nagios executable:  nagios
        Nagios user/group:  nagios,nagios
       Command user/group:  nagios,nagios
             Event Broker:  yes
        Install ${prefix}:  /usr/local/nagios
    Install ${includedir}:  /usr/local/nagios/include/nagios
                Lock file:  /run/nagios.lock
   Check result directory:  /usr/local/nagios/var/spool/checkresults
           Init directory:  /lib/systemd/system
  Apache conf.d directory:  /etc/apache2/sites-enabled
             Mail program:  /bin/mail
                  Host OS:  linux-gnu
          IOBroker Method:  epoll

 Web Interface Options:
 ------------------------
                 HTML URL:  http://localhost/nagios/
                  CGI URL:  http://localhost/nagios/cgi-bin/
 Traceroute (used by WAP):  


Review the options above for accuracy.  If they look okay,
type 'make all' to compile the main program and CGIs.

7. Nel passaggio successivo, costruire Nagios file con il seguente comando.

# make all

8. Ora, installare Nagios file binari, CGI script e file HTML con il seguente comando.

# make install

9. Quindi, installare Nagios demone init e comando esterno in modalità file di configurazione e assicurarsi che si attiva nagios demone a livello di sistema eseguendo i seguenti comandi.

# make install-init
# make install-commandmode
# systemctl enable nagios.service

10. A quel punto, eseguire il seguente comando per installare alcune Nagios esempio di file di configurazione necessari da Nagios per eseguire correttamente eseguendo il seguente comando.

# make install-config

11. Inoltre, installare il file di configurazione di Nagios per Apacahe web server, che può essere fonte in /etc/apacahe2/sites-enabled/ directory, eseguendo il seguente comando.

# make install-webconf

12. Successivamente, creare nagiosadmin account e una password per questo account necessario da Apache server per accedere al web di Nagios pannello eseguendo il comando riportato di seguito.

# htpasswd -c /usr/local/nagios/etc/htpasswd.users nagiosadmin

13. Per consentire Apache HTTP server per eseguire Nagios script cgi e per l’accesso Nagios pannello di amministrazione tramite HTTP, prima abilitare il modulo cgi in Apache e quindi riavviare il servizio Apache e avviare e attivare Nagios demone a livello di sistema eseguendo i seguenti comandi.

# a2enmod cgi
# systemctl restart apache2
# systemctl start nagios
# systemctl enable nagios

14. Infine, accedere all’Interfaccia Web di Nagios, puntando un browser l’indirizzo IP del server o il nome di dominio al seguente indirizzo URL tramite il protocollo HTTP. Accedere a Nagios con nagiosadmin utente la password di installazione con htpasswd script.

http://IP-Address/nagios
OR
http://DOMAIN/nagios
Nagios Admin Login
Nagios Admin Login
Nagios Core Dashboard
Nagios Core Dashboard

15. Per visualizzare i padroni di stato, navigare Stato attuale -> Padroni di casa menu dove si noterà che alcuni errori sono visualizzati per host localhost, come illustrato nella figura seguente. L’errore viene visualizzato perché Nagios ha nessun plugin installato per controllare padroni di casa e servizi dello stato.

Controllare Lo Stato Di Host
Controllare Lo Stato Di Host

Passo 3: Installare il Plugin di Nagios in Ubuntu e Debian

16. Per compilare ed installare il Plugin di Nagios dalle sorgenti Debian o Ubuntu, nella prima fase, è necessario installare il seguente dipendenze nel vostro sistema, eseguendo il seguente comando.

# apt install libmcrypt-dev make libssl-dev bc gawk dc build-essential snmp libnet-snmp-perl gettext libldap2-dev smbclient fping libmysqlclient-dev libdbi-dev 

17. A quel punto, visitare i Plugin di Nagios repository pagina e scaricare l’ultima archivio del codice sorgente con il seguente comando.

# wget https://github.com/nagios-plugins/nagios-plugins/archive/release-2.3.3.tar.gz 

18. Vai avanti e estrarre il Plugin di Nagios codice sorgente e modificare il percorso per l’estratto di nagios-plugins, eseguendo i seguenti comandi.

# tar xfz release-2.3.3.tar.gz 
# cd nagios-plugins-release-2.3.3/

19. Ora, iniziare a compilare e installare i Plugin di Nagios da fonti, eseguendo la seguente serie di comandi nella vostra console del server.

# ./tools/setup 
# ./configure 
# make
# make install

20. Compilato e installato il plugin di Nagios può essere situato in /usr/local/nagios/libexec/ directory. Elenco directory per visualizzare tutti i plugin disponibili nel sistema.

# ls /usr/local/nagios/libexec/
I Plugin Di Nagios Directory
I Plugin Di Nagios Directory

21. Infine, riavviare Nagios demone, al fine di applicare il plugin installati, eseguendo il seguente comando.

# systemctl restart nagios.service

22. A quel punto, accedere al web di Nagios e andare al pannello di Stato attuale -> Servizi menu e si dovrebbe notare a tutti gli host di servizi sono controllato da plugin di Nagios.

Il codice colore si dovrebbe vedere l’attuale stato dei servizi: il colore verde è per OK stato, giallo per Avviso e rosso per Critica stato.

Controllare Ospitare Servizi
Controllare Ospitare Servizi

23. Infine, per accedere Nagios admin interfaccia web tramite protocollo HTTPS, eseguire i comandi seguenti per attivare SSL di Apache configurazioni e riavviare il demone Apache per riflettere le modifiche.

# a2enmod ssl 
# a2ensite default-ssl.conf
# systemctl restart apache2

24. Dopo aver abilitato SSL di Apache configurazioni, aprire /etc/apache2/sites-enabled/000-default.conf file per la modifica e aggiungere il seguente blocco di codice dopo DocumentRoot istruzione, come illustrato nella seguente estratto.

RewriteEngine on
RewriteCond %{HTTPS} off
RewriteRule ^(.*) https://%{HTTP_HOST}/$1
Configurare Apache per Nagios
Configurare Apache per Nagios

25. È necessario riavviare il demone Apache per applicare le regole configurate, eseguendo il seguente comando.

# systemctl restart apache2.service 

26. Infine, aggiornare il browser per essere reindirizzato a Nagios pannello di amministrazione tramite protocollo HTTPS. Accettare il volere messaggio che viene visualizzato nel browser e accedere a Nagios di nuovo con le tue credenziali.

Nagios HTTPS Dashboard
Nagios HTTPS Dashboard

Complimenti! Hai correttamente installato e configurato Nagios Core sistema di monitoraggio da fonti Ubuntu server o Debian.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *